CHE COSA VISITARE E DOVE FERMARSI – Sardegna in Viaggio

CHE COSA VISITARE E DOVE FERMARSI

Durante le fasi preparatorie del viaggio, abbiamo scelto di adottare una strategia condivisa con i bambini. Per ogni “area” da visitare scelta, abbiamo deciso di scegliere tre cose, luoghi, curiosità; da visitare. Vista la stagione balneare, sicuramente una meta che preveda il mare. Una legata al territorio, al cibo, alle tradizioni, ed una terza se c’è esclusiva per i bambini.

Per ogni meta abbiamo cercato di capire cosa sarebbe successo se la giornata fosse stata piovosa.

 

In questa mappa interattiva c’è il nostro viaggio con arrivo ad Olbia il 9 giugno 2016 e la partenza da Porto Torres il 28 giugno 2016, tra queste date c’è una storia lunga, vissuta, che vi raccontiamo. 

Per definire cosa visitare potete anche voi andare su google maps, creare il vostro itinerario, modificare i punti di riferimento con le icone che preferite, aggiungendo percorsi o informazioni utili. Ogni punto può contenere informazioni preziose, immagini e tanto altro.

Andando sulla mappa virtuale troverete tante icone, cliccando su esse, si aprirà una sezione di approfondimento, dove troverete i nostri consigli su: mangiare, spiaggia, mare, sole, parcheggio, GPS, link a siti della zona (ristoranti, affitto sdraio, affitto pedalò, ecc. ovviamente se ci sono, e ci troviamo in una spiaggia sperduta oppure nella piscina naturale di Sant’Antioco, lì c’è solo pietra vulcanica, ocra, e mare verde smeraldo.

In questa video-guida trovate la spiegazione di come usare in modo semplice la mappa interattiva, sui vostri dispositivi.

 

Scegliete la meta di “atterraggio”, ovvero dove sarà il vostro campo base, il luogo in cui dormirete, oppure il parcheggio dal quale partirà il vostro “esplorare”, su questo punto gps inserito nella mappa di Google, aggiungete pure le mete, i luoghi e quant’altro desiderate.

Avere una mappa su Google Maps oppure sul vostro telefonino è molto comodo, ma ricordate sempre che funziona come un cordone ombellicale, finché avrete linea e connessione ad internet sarete collegati ed il vostro dispositivo vi dirà esattamente dove vi trovate, se perdete il contatto, dovrete utilizzare una cartina solida, ed eventualmente una bussola. Ricordate che il sole sorge ad est, e se non conoscete la città ad esempio, e siete circondati da palazzi o grattacieli, oppure montagne, identificate il sud, mettete la schiena a sud ed il volto che guarda il nord; ogni cartina è orientata a nord, quindi se vi ricordate più o meno la posizione del punto sulla mappa, potrete ritrovare facilmente la vostra direzione.

Non esitate a chiedere alle persone che incontrerete, sono la massima fonte di indicazioni, e vi racconteranno anche di luoghi o posti che sulle guide o cartine magari non sono segnalati.

Scegliete almeno un luogo da visitare al coperto: museo, osservatorio, monumento, perchè nel caso di pioggia avrete qualcosa da fare.

Controllate sempre se esistono convenzioni o sconti famiglia, oppure la touristcard, che permette di visitare più cose pagando un prezzo moderato, a volte sono compresi i trasporti pubblici.

Noi abbiamo scelto di conoscere le persone, i luoghi, i nuraghe, i vari mari e spiagge sopra e sotto, alcuni monumenti, la vita in campagna, la vita negli agriturismo, il Porto e le abitudini di chi vive il mare; voi cercate di costruire il vostro itinerario in base alle vostre esigenze e a quelle dei vostri figli.

 

 

Lascia un commento